Guida a Tokyo per inesperti da inesperti

E così sono approdato a Tokyo… come?? beh partendo da Osaka (se non lo sapete andate a vedervi il precedente articolo!!! GAMBATTEE) l’unica opzione valida penso sia lo Shikansen no? E così è stato. Ho letto e sentito di molte persone che hanno provveduto a svenarsi per pagarsi un abbonamento settimanale o bisettimanale per poter usare questi treni proiettile (in grado di raggiungere i 300 km/h anche se alla fine mantengono una velocità di crociera intorno ai 270 280 km/h.. un pò come i nostri freccia rossa ma meglio) beh ad ogni modo a mio avviso se la vostra avventura, come la mia, avrà inizio ad Osaka credetemi non vi servirà fare nessun abbonamento ma semplicemente comprare un biglietto singolo per l’unico e vero spostamento impegnativo. Vi starete chiedendo “E Kyoto dove lo hai messo???” tranquilli non me lo sono dimenticato, beh vedete, Kyoto non è difficile da raggiungere da Osaka con qualche linea di metro e bus arriverete senza problemi a Kyoto sani e salvi. Non vi preoccupate non sarete soli Google Maps sarà sempre con voi.

Ad ogni modo credo che un solo biglietto per lo shikansen sarà sufficiente per arrivare a Tokyo, anche perchè diciamocelo.. una volta approdati tutto il tempo del mondo non vi basterà per visitarla tutta e non credo sarete così sadici da prendere di nuovo i treni proiettile per ulteriori gite fuori porta.

Dato che sarete tutti dei mattinieri e che il viaggio per Tokyo durerà all’incirca 2 ore vi consiglio di prendervi un bel BENTO (sapete no? quella scatolina da asporto con dentro qualsisi tipo di cibo da poter mangiare in giro), Inoltre se sarete molto fortunati potrete osservare il MONTE FUJI gustandovi un pranzo al sacco tipico giapponese in un treno super veloce giapponese circondato da giapponesi.. KAWAIIIII

Ritornando a noi… il primo impatto che può avere una città delle dimensioni di Tokyo ad un povero Noob è paragonabile ad un pugno in faccia seguito da una dolce carezza. Ritmi piuttosto serrati, metropolitane strabordanti di persone, grattacieli ancora più imponenti, neon ovunque, personaggi estrapolati da anime improbabili in grado di sponsorizzare ogni tipo di bene e servizio (elettrodomestici inclusi) tutto ti sembra già troppo… ma poi ti fermi un attimo guardi bene.. e vedi un mondo sotto un altro punto di vista ed è li che ti accorgi di esser appena saltato sopra la stella di super mario entrando così in modalità KAWAIIII.

Si esce dalla stazione e si cerca in fretta e furia l’Hotel dove posare di forza i bagagli.

La vista dell’Hotel 4 stelle in cui abbiamo soggiornato era molto più affascinante.. ma il mio focus si è spostato sui quei campi da calcio elevati (un mio piccolo fetish.. ho sempre voluto vederli dal vivo)

Sei stanco, affamato hai le gambe a pezzi e vorresti riposarti un pò.. e invece cosa fai? ti fiondi ad Akihabara, il cuore nerd di Tokyo,

un quartiere inconfondibile che sicuramente avrete visto in qualche foto online. Un’orgia di insegne dai colori accesi rappresentanti personaggi di qualsivoglia anime/manga. Qui l’età non conta, quel numero perde di significato qui non si è ne troppo grandi ne troppo piccoli qui esistono solo appassionati del genere. Potrete trovare ogni tipo di intrattenimento.. compresi i mille mila maid cafè sponsorizzati da altrettante mille mila ragazzine vestite da scolaretta o cameriera che in modo educato e per nulla molesto cercano di attirarti nei peggio antri oscuri e moderatamente marci in cui penso si trovino codesti cafè.

Ad ogni modo avete l’imbarazzo della scelta.. su cosa vedere, fare e comprare. Vi dico onestamente cosa non dovreste perdere assolutamente e cioè il Mandarake un palazzone tutto nero inconfondibile. Che cos’è? beh è il luogo adatto per chi cerca buoni affari, infatti qui potrete trovare anime, manga, cd, videogiochi usati ad ottimi prezzi (l’usato in giappone non è paragonabile al nostro per intenderci.. è un pò come un nuovo ma non così nuovo) Mandarake ha di buono inoltre che chiude verso le 21 quindi vi consiglio di visitare prima i negozietti nei dintorni per poi rifugiarsi nello stone age nipponico. Secondo palazzone da non perdere è il RADIO KAYKAN 7 piani di pura adrenalina nerd qui non fanno complimenti quando si tratta di Action Figures, Videogames, anime, Manga e modellismo.

E poi c’è il DON QUIJOTE anch’esso inconfondibile, se vedete un pinguino blu con una pinna alzata (quasi a ricordare un saluto ambiguo) sapete che dovete entrarci ad ogni costo. Fare un elenco di cosa si possa trovare in questo spazio magico potrebbe costarmi anni e anni di battitura. Sostanzialmente posso dirvi questo.. Immaginate una cosa stravagante, nosense oppure KAWAIIII, ebbene si li la troverete, c’è letteralmente di tutto dai cosplay (per persone e animali) al cibo al gusto di ??!!??? fino ad arrivare ai giochini spicy (if u know what i mean….ma certo che lo sai!). Vuoi sbarazzarti del pensiero Souvenir per amici e parenti?? entra qua dentro e taaaaaaaaaac il gioco è fatto. (ah dimenticavo è tax free).

Akihabara è sicuramente il quartiere d’eccellenza per chi ha un’anima nerd.. ma dovete sapere che basta spostarsi di poco.. e con poco intendo addentrarvi nelle vie trasversali a quella principale per imbattervi in dei localini tanto belli quanto buoni dove poter rifocillarsi prima di riprendere l’assalto ai negozi. Non abbiate paura di camminare, più in là andrete più sarà facile trovare un posticino grazioso non affollato dove poter gustare una bella ciotola di ramen fumante.

Dopo tutto questo caos e questi ritmi frenetici avete bisogno di un pò di relax vero? Beh allora perchè non dirigersi il mattino dopo a Kamakura dista poco più di un’oretta da Tokyo ma non vi preoccupate con google maps riuscirete a prendere tutti i cambi di treno e arrivare a destinazione senza problemi. Scendete dal treno e sentirete subito che qui l’aria è diversa ha un non so che di zen.. allora zaino in spalla e si va a contemplare qualche templio con annesso giardino zen.

Sicuramente hai fatto 30 perchè non fare 31 andando a visitare il secondo Buddha più alto del mondo (il primo è a Nara un colosso imponente da far impallidire tutti quei cervi molesti mangia gallette). Per una manciata di yen potrete anche entravici dentro.. non un gran che di spettacolo però potrete sempre vantarvi del fatto di esser stati dentro ad un Buddha

Per finire la vostra gita qui a Kamakura potrete fare un giro per gli infiniti negozietti della via principale, senza saltare lo store ufficiale dello STUDIO GHIBLI o per come dicono loro GHIBURI.

Ok per oggi la dose di laghetti giardini e templi è stata ampiamente soddisfatta. Urge una seconda dose di jungla cittadina e dove se non a Shibuya. Fantastica, esplosiva, caotica Shibuya. In caso non lo sapeste (sicuramente lo saprete già ma io ve lo dico lo stesso) questo quartiere è famoso per il suo attraversamento pedonale super affollato ( lo so dovrei postarvi una foto ma ne avrete già viste un milione e mezzo quindi sarò anticonformista in questo caso e non la posterò) scherzi a parte ha un certo fascini poter osservare in prima persona il tutto dallo Starbucks che gli si affaccia davanti. Tuttavia non c’è solo il famoso incrocio c’è anche la statua di Hachiko (SPOILER ALERT!!! il povero cagnetto che ogni giorno si fece la sbatta di andare ad aspettare il suo padrone ormai defunto) beh quella statua oramai più che meta turistica per scattarsi una foto o un selfie è diventata un punto di ritrovo per locali e stranieri

Avete visto l’incrocio avete visto Hachiko e gli innumerevoli shop cosa rimane ancora da vedere?? hmmm che ne dite di Dogenzaka una zona che veste tonalità di rosso passione.. infatti questa zona è contraddistinta dalla presenza di un numero infinito di Love Hotel. Hotel con delle camere adibite per essere utilizzate ad ore dove le coppie di amanti o anche marito e moglie spesso trovano la giusta intimità per fare quel che non possono altrove. L’alta domanda ha plasmato questi Hotel portandoli a fornire servizi sempre più customizzati offrendo camere a tema e gadget di ogni tipo.

Oggi è un altro giorno e mi sento pronto ad affrontare il traffico metropolitano e ferroviario per dirigermi verso Odaiba un’isola artificiale proiettata nel futuro (d’altronde il treno che vi portarà sull’isola è stato il primo a non aver bisogno del pilota… ah miraccomando non chiamatela – monorotaia come molti credono – qualcuno potrebbe arrabbiarsi). Ad Odaiba avrete l’imbarazzo della scelta potrete vedere una statua della libertà in scala ridotta, la sede della fuji tv (famosa per aver trasmesso molti anime famosi in tutto il mondo) visitabile per poche centinaia di yen, Il nuovo Gundam Gigante erede del vecchio ormai sostituito dove spararsi un bel selfone, il Telecom Center con annesso osservatorio dove potersi sparare un’altro bel selfone pagando poche centinaia di Yen, ed infine ciò che a me ha colpito di più in assoluto… ciò che mi ha lasciato a bocca aperta il TEAM LAB BORDERLESS o meglio conosciuto come museo d’arte digitale. Non potete adarvene via da tokyo senza aver visto prima questo Museo, sarò sincero con voi potrei spiegarvi ciò che c’è dentro in modo dettagliato ed esaustivo ma probabilmente vi rovinerei la sopresa o probabilmente potrei dirvi il falso in quanto le animazioni si trasformano di tanto in tanto. Come posso rendere l’idea di ciò che vivrete la dentro??? KAWAIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII.

Un’altro quartiere facilmente raggiungibile degno di nota è UENO in cui se avrete la fortuna di capitarvi in periodo primaverile potrete rifarvi gli occhi guardando lo stagno di Shinobazu (uno stagno semplicemente pieno zeppo di fiori di loto in fiore) se non gradite i fiori potrete sempre andare ad “importunare” l’animale simbolo (o almeno credo) del Giappone il PANDAAA un ammsso di peli che non conosce mezze misure o è bianco o è nero… grigio mai!! Se invece volete fare i superiori con i vostri amici e potervela banfare del vostro QI qui sono presenti diversi musei tra qui quello d’arte occidentale, il Tokyo metropolitan art Museum e quello della Scienza e natura.

Siete fan de “Il giardino delle parole“?? si?? Bene!! no?? Va bene lo stesso vi piacerà comunque. La tappa?? SHINJUKU in questo quartiere oltre a trovarvi nella stazione caposaldo per ogni tipo di meta (diciamo che da qui potrete raggiungere qualsiasi posto vogliate) potrete immergervi nel VR Zone (stabilimento dove potrete provare svariati giochi con esperienza full dive) potrete imbattervi nel santuario di Hanazono una piccola zona di pace buttata letteralmente in mezzo al caos della città ed infine potrete vivere in prima persona i luoghi da cui è stato tratto il giardino delle parole. Shinjuku Gyoen è molto più di una semplice area verde.. è una vera e propria oasi di pace in un contorno di calcestruzzo e asfalto, i cinguettii che sentirete qui sono veri mica come quelli impiantati nei semafori di Tokyo. Qui potrete staccare un attimo la spina e fare il pieno di energie per il giorno successivo.

Beh questo è quanto ha potuto esplorare e vivere uno alle prime armi come il sottoscritto nei pochi giorni a disposizione e vi assicuro che è stato più che sufficiente per convincermi a tornare.

Sicuramene c’è molto altro che dovrei raccontarvi ma ora non mi viene in mente niente perciò dovrò spremere le meningi… nel frattempo mi congedo.

Classificazione: 1 su 5.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...